Finanziamento di avvio: 7 opzioni di finanziamento chiave per la tua azienda

0
27

Indipendentemente dalla tua grande idea imprenditoriale, non andrà da nessuna parte senza finanziamenti e supporto sufficienti dalle giuste fonti. La maggior parte delle persone prende in prestito denaro da amici e familiari, mentre altri chiedono un prestito da una banca o da altre istituzioni finanziarie. Ma ci sono altre opzioni che i fondatori di startup possono contattare per supportare e finanziare il loro progetto.

Qualunque sia la tua ragione: dare un buon inizio alla tua azienda o decidere di espandere la tua startup a livello internazionale — ecco sette (7) opzioni di finanziamento chiave per la tua azienda.

1. Crowdfunding

Il crowdfunding è uno dei modi più comuni con cui gli imprenditori di startup possono raccogliere fondi per le loro attività. Può anche aiutarli a promuovere i loro prodotti e servizi in un modo più personale.

Avviare una campagna di crowdfunding è semplice. Scegli un sito di crowdfunding come Kickstarter o Patreon e inizia a creare il tuo profilo. Vuoi che le persone conoscano la tua azienda, i tuoi prodotti e i tuoi servizi; pertanto, la tua storia deve essere chiara e distinta. Se la tua narrativa è abbastanza buona, scoprirai che molte persone sono disposte ad aiutarti a iniziare la tua attività.

Con la maggior parte dei siti Web di crowdfunding, è tipico che i sostenitori ricevano una ricompensa dopo aver effettuato una donazione. Questo può essere qualsiasi cosa, da un buono regalo o un codice sconto per i tuoi servizi. Potrebbe anche essere una qualche forma di quota o equità nella tua attività.

Uno problema di avvio comune è non avere abbastanza persone che riconoscono il tuo servizio o prodotto. Fortunatamente, una campagna di crowdfunding può anche funzionare come attività di creazione di comunità per la tua attività, poiché stai già interagendo con persone che molto probabilmente sono il tuo mercato di riferimento.

Nota: La maggior parte dei siti Web di crowdfunding addebita una piccola commissione di elaborazione o richiede una percentuale dei tuoi guadagni.

Ecco un altro paio di siti Web di crowdfunding che puoi controllare:

  • Cubo di folla
  • crowdfunder
  • iFundWomen
  • Indacogo
  • Fondamentale

2. Capitale di rischio

Proprio come suggerisce il nome, i venture capitalist forniscono alle startup il capitale di cui hanno bisogno per avviare operazioni commerciali. Oltre a ciò, i venture capitalist possono anche presentare nuove attività a partner, investitori, clienti e altri azionisti.

I venture capitalist sono spesso interessati a investire in prodotti o servizi che hanno il potenziale per diventare grandi. Questo è il motivo per cui ottenere un accordo da un venture capitalist non è così semplice come ottenere il crowdfunding.

Se stai mirando a ottenere il supporto di un venture capitalist, assicurati che la tua attività abbia già guadagnato terreno nel tuo mercato. Inoltre, se stai vendendo un prodotto, avere un prototipo funzionante a portata di mano può aiutarti a migliorare le tue possibilità di ottenere il finanziamento che desideri.

Tieni presente che i venture capitalist non sono per tutti. La maggior parte dei VC è più focalizzata su attività basate sulla tecnologia, quindi se la tua azienda non rientra in quella categoria, questo tipo di finanziamento potrebbe non essere il migliore per te.

3. Investitori angelici

Gli investitori angelici o “angeli” sono spesso dirigenti di società in pensione o individui facoltosi che investono in promettenti start-up. In cambio del loro finanziamento, agli angeli vengono spesso assegnate azioni, azioni o un seggio nel consiglio di amministrazione di detta società.

Questi investitori in genere investono durante le prime fasi di una startup sborsano da $ 25.000 a $ 100.000.

Non è facile incontrare investitori angelici, perché normalmente si tengono per sé stessi. Se desideri contattare un investitore angelo, dovrai farlo tramite un’associazione specializzata.

Ecco alcuni modi in cui puoi trovare investitori angelici:

  • Attraverso altri imprenditori
  • Attraverso avvocati e commercialisti
  • Siti di crowdfunding come Indiegogo e Kickstarter
  • Elenco degli angeli
  • Venture capitalist e banchieri di investimento

Nota: È più probabile che gli investitori angel sostengano la tua startup se hanno familiarità con il tuo settore. Pertanto, è una buona regola pratica cercare un investitore del tuo stesso settore.

4. Contributi pubblici

Un certo numero di agenzie governative offre sovvenzioni per le startup da utilizzare per la loro attività. A seconda della tua posizione, potresti trovare queste sovvenzioni e sussidi pubblicati sulle pagine delle agenzie governative. Se vieni dagli Stati Uniti, puoi trovare un’ampia varietà di borse di studio su Grants.gov.

Nota: Potrebbe essere necessario soddisfare determinate qualifiche per essere idoneo a ricevere una sovvenzione, ma una volta stabilito, puoi procedere ad avviare la tua attività proprio come previsto.

Come chiunque si aspetterebbe, accettare denaro gratuito dal governo non è una passeggiata ventilata nel parco. Ci vorrà una discreta quantità di scartoffie e tempo prima di ottenere finalmente l’approvazione. Quindi, prima di fare domanda per un programma, assicurati di avere tutti i requisiti necessari in anticipo per evitare l’andare avanti e indietro della domanda.

5. Investimento personale

Inutile dire che quando avvii un’impresa, sei il tuo primo e unico investitore durante le prime fasi dello sviluppo della tua azienda. I proprietari di attività in fase di avvio possono farlo sia con i propri contanti o utilizzando alcuni dei loro beni come garanzia per la loro attività. Tieni presente che gli investimenti personali possono richiedere un certo livello di pianificazione fiscale nel processo per evitare di incorrere in costi esorbitanti.

Quando investi nella tua attività, mostra ad altri investitori e agenzie di finanziamento che sei fiducioso sulle capacità della tua attività e che ci sarai a lungo.

6. Carte di credito per piccole imprese

Potresti non esserne consapevole, poiché ci sono un certo numero di società di carte di credito che si rivolgono specificamente alle attività di avvio. Molti di loro hanno anche vantaggi speciali come premi cashback, chilometraggio aereo e molti altri.

Uno svantaggio di questo tipo di accordo è che la tua carta di credito aziendale sarà spesso legata al tuo punteggio di credito personale e alla tua cronologia. In altre parole, eventuali ritardi di pagamento o scadenze mancate sulla tua carta di credito aziendale influiranno automaticamente sul tuo punteggio di credito personale. Gli interessi per le carte di credito non pagate possono variare dal 5% al ​​19,99%.

Tuttavia, se stai attento a come usi la tua carta di credito e sei diligente nell’effettuare i pagamenti, non dovresti trovare alcun problema nel possedere una carta di credito aziendale.

7. Incubatori di imprese

Come suggerisce il nome, gli incubatori d’impresa sono entità che aiutano le startup a innovare e crescere. In genere forniscono alle startup opportunità di tutoraggio, spazi di lavoro condivisi e persino l’accesso al loro elenco di investitori di startup. Gli incubatori d’impresa offrono alle startup lo spazio per far crescere le loro operazioni a un costo inferiore.

Per lavorare con un incubatore di imprese, dovrai passare attraverso un intero processo di candidatura in cui l’incubatore di imprese valuterà la tua idoneità.

L’incubazione delle imprese dura in genere da uno a due anni; tuttavia, il programma di un incubatore di imprese è spesso flessibile e può essere adattato alle esigenze della società di avvio.

Nota: gli incubatori di imprese sono piuttosto selettivi quando si tratta delle imprese in cui investono. Di solito, si tratta di imprese coinvolte nella biotecnologia, nella tecnologia dell’informazione, nel multimedia o nella tecnologia industriale.

Pensieri finali

Esiste un’ampia varietà di opzioni per gli imprenditori di startup per trovare finanziamenti per la loro idea imprenditoriale. La chiave è creare una storia avvincente che aiuti gli investitori a connettersi con il loro marchio e il loro messaggio. Prima ancora di cercare investitori, dovresti avere una solida comprensione di ciò che vuoi che il tuo marchio rappresenti. Inoltre, devi essere sicuro al 100% che il prodotto o servizio che stai per rilasciare sia qualcosa che può cambiare o migliorare la vita del tuo mercato di riferimento.